Bruneide

Quando ero fanciullo, o dolce monte di Cicala, e il tuo lieto grembo nutriva le mie giovani carni, mi attraeva, ricordo la tua sacra immagine. (Giordano Bruno – De Innumerabilibus, immenso et infigurabili)

bru_lil1