Giordano Bruno e l’Incertezza dell’Elogio

Giordano chiama il pane, pane; il vino, vino…ha la dottrina per dottrina, le imposture per imposture…stima gli filosofi per filosofi, gli pedanti per pedanti.

di Roberto Amabile da ilmeridiano.net  – Note su Nola e la Biennale Bruniana

NOLA – Si è svolta tra il 15 e il 19 aprile l’anteprima della “Biennale Bruniana”, un crogiolo di eventi che ha coinvolto e continuerà a coinvolgere filosofi, filologi, studenti e uomini di cultura italiani e non, ammaliati da un ascendente del tutto singolare: il più grande intellettuale che queste terre abbiano mai potuto dare alla luce.

Filippo Bruno, poi Giordano, suo nome domenicano, fu un pensatore d’eccezione nel panorama non solo nazionale, ma mondiale, talché gli esperti stranieri hanno imparato l’italiano per leggerne in lingua le opere. L’etichetta di “pensatore”, però, non gli si addice, tale la sua portata: fu filosofo, teologo, maestro di mnemonica, prosatore e poeta, filologo, commediografo, astronomo; ma nemmeno in questo modo – sia detto – si avrebbe una ben chiara idea di quale innovazione sia portavoce Bruno. Risulta impresa ardua, e onde evitare una banalizzazione del suo pensiero, non ne si darà una definizione globale (perfino definirlo “neoplatonico” ne minimizza la complessità). Poco male, come direbbe Bruno: «A chi è concesso il meritare, sii [NdR: “sia”] negato l’avere; a chi è concesso l’avere, sii negato il meritare». Ovvero, secondo un’interpretazione del tutto particolare, un intellettuale a cui calza bene un’etichetta probabilmente non ne merita, sarà un intellettuale di poco conto. Chi però tra uno slalom lessicale e l’altro non si sentirà mai “definito”, probabilmente sarà un vero pensatore a cui è scherno, offesa, ingiuria appioppare tre o quattro parole. Questa considerazione dovrebbe far riflettere su quanto siano futili le classificazioni di “uomini magni”. E Bruno si configura come uno di questi, uomo dal multiforme ingegno qual era.

Uno degli aspetti più importanti della produzione bruniana, che merita indubbiamente l’attenzione ai giorni nostri (attenzione che non ha affatto avuto durante l'”anteprima di Biennale”) è proprio il motivo per cui Bruno è stato arso a Roma nel 1600. Il Nolano si fece portavoce di una radicale riforma morale contro l’ignoranza e l’inettitudine dei tempi, all’insegna dell’esercizio critico della propria razionalità – senza dogmatismi di sorta – e di un approccio pragmatico alla realtà supportato dall’attiva concretizzazione dei risultati raggiunti. In tal senso Bruno può definirsi teorico della pratica e pratico della teoria, un vero e proprio rivoluzionario del modo di pensare e di fare.

La rivoluzione bruniana, troppo spregiudicata per i tempi, fu vista come un vero e proprio atto di terrorismo contro il potere costituito, sia quello cosiddetto “spirituale”, di vescovi e cardinali, che quello “temporale”, di prìncipi e regnanti. Infatti Bruno non fu messo al rogo perché si sospettarono eterodossie dal dogma, bensì perché il Nolano «non ritrattò i termini della [sua] filosofia», che sarebbe significato essenzialmente rinnegarla.

Questa filosofia tuttora appare perniciosa per la comunità, una filosofia che sembra comportare solo – nei migliori dei casi – pedanterie e – nei peggiori – intolleranze, da parte di chi ne segue le linee guida, e ci si appella al ritorno ai veri valori, i valori della tradizione e del passato, fortuitamente incontaminati dal divenire del tempo… Chi mal sopportava le innovazioni – in particolare quelle “minacciose” del Nolano (che sono innovazioni per due volte) – ha fatto acuta opera di travisamento, ha interpretato in un’ottica distorta le tesi bruniane e ha convinto le masse della bontà di questa interpretazione; così da un lato si evita che tesi progressiste e dilaniatrici del passato prendano piede nella comunità, e dall’altro si propaganda in che modo il potere costituito abbia ancora una volta salvato la stessa comunità da una sciagura che non avrebbe minimamente desiderato: talché è diventato di moda scagliarsi contro il “relativismo imperante”, poiché ha distrutto le certezze dell’uomo e l’ha fatto precipitare in un baratro senza fondo di infinite verità – tutte esatte e al contempo contraddittorie -, e apostrofare simili considerazioni con frasi del tipo: «si stava meglio quando si stava peggio», cioè quando la verità era “cattolica”, come la stessa radice del termine ci suggerisce: dal greco: καθολικός, ovvero universale. Un punto di vista universale prevede: la totale omologazione di pensiero e azione, che non permette libertà se non nell’eterodossia; l’indiscutibilità assoluta del canone, che per quanto possa essere “perfetto” rivela nella sua pretesa di perfezione una pecca, dunque un elemento discutibile, poiché anche gli uomini ispirati da pantheon interi di divinità, in quanto uomini, possono cadere in errore, e laddove il raziocinio supportato dallo studio suggerisce di infrangere i canoni, ci si dovrebbe rifugiare solo nell’eresia; il totalitarismo, ovvero violenza fisica e psicologica, ostracismo, esilio.

Bisogna abbandonare l’idea di un unico punto di vista, di una verità assoluta, di un credo indiscutibile. Il canone a cui l’uomo dovrebbe fare appello è un canone falsificabile, un sistema di valori che ha il coraggio di rinnovarsi continuamente e mai fossilizzarsi su tesi obsolete, una moralità che faccia costantemente tesoro delle sue tesi avverse.

Ancor di più, però, devo dirvi: è stata un’immensa delusione per chi è nolano di nascita assistere non ad una grave omissione, ma allo scempio dettato dalle logiche di mercato della figura bruniana. Salvo particolari conferenze e interventi interessanti come quelli di Massimo Capaccioli (Università “Federico II” di Napoli) o di Stefano Levi Della Torre (Comunità ebraica di Milano) [NdR: invitato di sabato, cioè quando chi professa l’ebraismo è noto che non può partecipare a convegni; ma, per fortuna, Levi Della Torre non crede in quei precetti], l’entusiasmo degli studiosi stranieri che hanno partecipato alla manifestazione, le rappresentazioni teatrali a tema e i concerti d’orchestra, non vi sono stati notevoli arricchimenti. Ciò che più stordisce è stato l’intervento di Michele Mezza (Presidente della “Fondazione Giordano Bruno”) al L.S.S. “Enrico Medi” di Cicciano, che si fa bene a sospettarlo ripetuto in altre scuole: con rocamboleschi cambi di rotta e tematica si è passati da Giordano Bruno come immensa fonte di cultura a cui chiunque può attingere, all’importanza del turismo e in particolar modo del «settore terziario avanzato» di cui Nola si può far fregio, come il “CIS“, il “Vulcano Buono” e l'”Interporto Campano“. È difficile comprendere perché si sia finiti a parlare di centri commerciali e città degli affari… ma riprenderemo il punto in seguito. Gli interventi del seminario sono stati tutti autoconclusi, che non avrebbero potuto permettere un dibattito vivo, vero, con opinioni su argomenti “scottanti” del pensiero e della vicenda bruniani.

Un barlume di interesse, su tutti, avrebbe meritato (non ha avuto) il discorso di Francesco Vitelli (professore del L.S.S.), uno dei pochi nell’intera “anteprima bruniana” a focalizzarsi sulla questione morale in Bruno, e avanzando anche un parallerismo arguto tra Bruno e Antonio Gramsci, il quale propose una riforma culturale rivoluzionaria [NdR: Gramsci formulò il concetto di egemonia culturale, attraverso la quale le classi dominanti forzano la classe subalterna ad adottare i propri valori, con l’obiettivo di rinsaldare la comunità intorno a un “senso comune” unico, assoluto, indiscutibile imposto da terzi]. Gli altri relatori, dai volti sbigottiti e contrariati, hanno cominciato i propri interventi sul solco del professore, ma da abili oratori hanno sùbito cambiato argomento, si è parlato dell’importanza della televisione dai pochi difetti e dagli innumerevoli pregi, uno strumento che Bruno aveva ipotizzato, secondo i codici di Norov a Mosca. Avremmo voluto veramente una disquisizione filosofica.

Michele Mezza, non contento di come sia andato il seminario, ha chiesto ripetutamente opinioni e pareri che la conferenza appena conclusasi avrebbe potuto suscitare nei ragazzi astanti, ma visto che nessuno ha avuto l’iniziativa di dire la propria, ha cominciato a chiedersi quale valenza Giordano Bruno avesse sul web, a chiederci quali sono i risultati dei motori di ricerca al valore “Giordano+Bruno”. E poiché questa domanda – meno che gli interventi precedenti – non ha suscitato interesse, ha interpellato personalmente uno studente dal quale era sicuro ricevere una valente risposta. Lo studente, contrariato dalla forzata richiesta, come i precedenti buoni oratori hanno dato prova di saper fare, ha cambiato immediatamente argomento, esprimendo le sue considerazioni su quanto ha fatto esperienza durante questa “anteprima di Biennale”, chiedendo perché si è dedicata una struttura fallica in legno alta 25 metri (un giglio) a Giordano Bruno, cosa di cui il filosofo sarebbe parecchio contrariato se ne venisse a conoscenza… Secondo Michele Mezza il giglio è più di una componente folcloristica per Nola, «il giglio è il simbolo di Nola», stesso simbolo di francesi, spagnoli, eccetera; l’alzata del giglio, ancora, è un momento fondamentale per far sodalizzare la comunità intorno a valori comuni, quali la fatica, la devozione, la famiglia, l’altruismo.

Forse il giglio di una volta, Michele Mezza. Forse il giglio di una volta. Questa festa, pagana un tempo, è stata trasformata in religiosa tramite il fenomeno di sincretismo religioso, sostituendo i simboli profani a quelli cristiani, dimodoché le chiese locali prendessero piede, consensi, potere nelle località contadine e retrograde che facevano ancora affidamento ai culti degli dèi. Il giglio è sottomissione totale alla divinità a danno del fedele, del suo corpo e della sua mente, lavoro sprecato e che avrebbe potuto fruttare vantaggi effettivi alla comunità, la cieca ignoranza che non si rende conto dei danni che possano provocare uno sforzo di quella misura, insegna la competizione, la rivalità, la faida tra gruppi, bande, comitati, che solo sodalizi di carattere economico possono ipocritamente saldare gli inutili contrasti interfamiliari. Il giglio è la rappresentazione del pene eretto, un fallo di 25 metri che alimenta inconsciamente i sentimenti di virilità di chi “culla” la struttura, e di possessione del membro da parte delle matrone che ne seguono i mariti. Tanto più la divinità è facente, tanto meno l’uomo può tentare di risolvere i problemi in terra; tanto più la divinità è sciente, tanto più l’uomo è ignorante e si sente fiero di non conoscere; tanto più la divinità è potente, tanto più l’uomo che sta sotto il lungo pene si sente in difetto.

Se l’anteprima ne ha già in nuce le intenzioni, la “Biennale Bruniana” risulterà probabilmente un modo strategico di sfruttare impunemente la figura del grande Giordano Bruno, facendolo un marchio per il turismo e i prodotti di Nola, che magicamente diventa una «terra di terziario avanzato», dacché il “CIS“, il “Vulcano Buono” e l'”Interporto Campano” sono gli sponsor principali della manifestazione. Nelle intenzioni di Michele Mezza, si dovrebbero dedicare tutti e gli otto gigli a Giordano Bruno, così da aumentare la speculazione sulla sua figura: questo “elogio dell’incertezza” – mi sa – si riferisce alla totale ignoranza che Mezza ha del pensiero bruniano, visti gli scempi che ne fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.